Mattinata come serenata



una mattinata come serenata ma anche una stupenda poesia d'amore accompagnata da una dolce musica, è il miracolo che sono riusciti a costruire Giovanni Formisano per le parole e Gaetano Emanuele Calì per la musica. I due autori, entrambi di Catania, producono questo breve capolavoro agli inizi di un secolo tremendo il '900. E' la canzone d'amore più sentita dai siciliani all'inizio di quel secolo e la portano nel cuore i soldati siciliani che vanno a combattere nella terribile prima guerra mondiale
"Si dice che fosse il 1916. Sul fronte della Carnia si fronteggiavano gli austriaci e due reggimenti formati da Siciliani. Si sparavano e si ammazzavano. Una sera, splendendo la luna, uno dei nostri, un soldato siciliano, prese la sua chitarra e cantò. E mentre cantava, gli spari cessarono. E quando finì di cantare, gli austriaci applaudirono … 
Questa canzone è stata cantata da tanti grandi cantanti di musica leggera e da tanti cantanti lirici, ho trovato questo video su youtube nella versione cantata da Enzo Montagna nella forma più popolare e genuina della Sicilia.
Qui sotto il testo (accompagnato da qualche nota di traduzione)

E vui durmiti ancora

Lu suli è già spuntatu di lu mari
E vui bidduzza mia durmiti ancora
L’aceddi sunnu stanchi di cantari
Affriddateddi aspettanu ccà fora
Supra ssu barcuneddu su pusati
E aspettanu quann’è ca v’affacciati
Lassati stari nun durmiti cchiui
Ca ‘nzemi a iddi dintra sta vanedda
Ci sugnu puru iu c’aspettu a vui
Ppi viriri ssa facci accussì bedda
Passu cca fora tutti li nuttati
E aspettu sulu quannu v’affacciati
Li ciuri senza i vui nun vonnu stari
Su tutti ccu li testi a pinnuluni
Ognunu d’iddi nun voli sbucciari
Se prima nun si rapi ssu barconi
Intra li buttuneddi su ammucchiati
E aspettanu quann’è ca v’affacciati
Lassati stari nun durmiti cchiui
Ca ‘nzemi a iddi dintra sta vanedda
Ci sugnu puru iu c’aspettu a vui
Ppi viriri ssa facci accussì bedda
Passu cca fora tutti li nuttati
E aspettu sulu quannu v’affacciati


E voi dormite ancora

Il sole è già spuntato dal mare
E voi dolcezza mia dormite ancora
Gli uccelli sono stanchi di cantare
Infreddoliti, aspettano qua fora
Sopra il balconcino son posati
E aspettano a voi che vi affacciate
Lasciate stare, non dormite più
Perché insieme a loro, in questa piccola via
Ci sono anch’io che aspetto a voi
Per vedere questo viso così bello
Passo qui fuori tutte le nottate
E aspetto solo quando vi affacciate
I fiori senza di voi non vogliono stare
Sono tutti con la testa abbassata
Non ce n’è uno che voglia sbocciare
Se prima non si apre quel balcone
Stanno nascosti fra i boccioli
E aspettano che voi vi affacciate
Lasciate stare, non dormite più
Perché insieme a loro, in questa piccola via
Ci sono anch’io che aspetto a voi
Per vedere questo viso così bello
Passo qui fuori tutte le nottate
E aspetto solo quando vi affacciate


Torna all’ Home page