‘a crapa giganti


‘a crapa giganti

quann’era nicu nicu
manu manuzza ccu me’ pa’
jimmu a’  a mannara
‘ncapu  ‘u cuzzu
a’  accattari  ‘a ricuttedda

e vitti  ‘na crapa giganti
ccu setti ciaraviddi
ca sucavano d’a so’ minnera
havia ‘i corna lunghi lunghi
tutti ‘nturciniati
‘u pilu biancinusu
‘mpastatu di tirruzzu

rapiva e chiujva ‘a vucca
maccicannu erba

e pariva parlarimi
e dirimi ca era felici

Pino Canta – 2007

Qualche nota di traduzione -  nicu nucu (bambino piccolo) – manu manuzza ccu me pa’ (mano nella mano con mio padre) – jimmu a mannara (andammo in una contrada di campagna chiamata mannara) – ‘ncapu ‘u cuzzu (sopra un monticello pietroso) – a’ accattari ‘a ricuttedda (per comprare la ricotta fresca) – (e vidi una capra gigante) – ccu setti ciaraviddi (con sette capretti) – ca sucavano d’a so’ minnera (che succhiavano dal suo seno) -  (aveva le corna lunghe lunghe) –  tutti ‘inturciniati (tutte contorte a elica) – (il pelo vagamente bianco) – ‘mpastatu di tirruzzu (un po’ sporco di terriccio) – (apriva e chiudeva la bocca) – (masticando erba) – (pareva parlarmi) – (e dirmi che era felice)

Un commento -  Il poeta va verso i sessanta anni e rivede come in un sogno ad occhi aperti la capra gigante, sta interamente dentro quella visione e la sensazione di grandezza della capra la rivive come allora; forse i capretti non sono tanti ma lui li vede  nella meraviglia che ingigantisce e fa assaporare intensamente. In questo ingigantirsi delle cose ora il bambino coglie  il senso delle cose stesse, che è il suo stesso senso,  la capra gli comunica parlando il senso della felicità.

Immagine – ho messo a corredo di questa poesia  la scultura della capra di Picasso – forse c’è stato lo stesso percorso del sentire nella realizzazione di quest’opera di scultura -  (f.z.) 

Torna all’ Home page