L’Opera dei pupi in Sicilia

Ancora oggi a Palermo c’è qualche puparo che continua con il suo cartellone di appuntamenti.



Recentemente la casa editrice I Buoni Cugini Editori ha pubblicato il romanzo di Luigi Natoli – Fioravante e Rizzeri  - …dove il Puparo don Calcedonio conduce la sua vita tra fantasia e realtà, e dove la fantasia sorregge e rafforza il suo spirito per affrontare una drammatica esistenza.
 Un grande e particolare romanzo dove s’intersecano la storia dei Paladini di Francia con la storia di vita quotidiana.
 Il romanzo è ordinabile direttamente alla Casa editrice utilizzando questo link http://www.ibuonicuginieditori.it/catalogo_prodotti.html

L’Opera dei pupi in Sicilia fu nell’ottocento, e per buona parte degli inizi del novecento, uno spettacolo popolare;  le sale dei teatrini si riempivano di spettatori coinvolti emotivamente nello spettacolo.
L’arrivo del cinema determinò la fine dell’Opera dei pupi come spettacolo popolare; gli amatori del vecchio spettacolo andarono sempre più diminuendo;  e lentamente si trasformò in spettacolo per turisti o cultori della tradizione (nel 2008 l’Unesco ha inserito l’Opera dei Pupi tra i Patrimoni orali e immateriali dell’umanità).
Eppure l’Opera dei pupi è ancora uno spettacolo che può accendere la fantasia dei bambini. La sua stessa tecnologia elementare, comprensibile rispetto a quella dei computer,  ci fa vedere e toccare con mano che ci sono i pupi e i pupari, e c’è sempre una storia da raccontare.
Qui un link di youtube  di un breve episodio cinematografico di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia sull’ultimo puparo, veramente esilarante.

immagine da

Per tutti i post recenti di Arpa eolica vai all’Home page

Nessun commento:

Posta un commento

Post aperto a dibattito, si possono inserire commenti immediatamente ed automaticamente – i curatori di arpa eolica si riservano di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per i commenti che andate ad inserire.