Domani 1° puntata di - La matassa di spago





Domenica 
19 Novembre 2017
inizia su Arpa eolica
 la pubblicazione a puntate 
del romanzo breve 
La matassa di spago
Inedito di Francesco Zaffuto
Un giallo politico che coinvolge:  il Capo del governo e i mass media;  i clochard di Roma e le cloache di Parigi di Hugo;  i maggiori illusionisti del momento indagati dal Commissario Biagini alle soglie della pensione.

post inserito il  18/11/2017

Altri post di Arpa eolica della sezione Testi integrali in rete

Altri post di Arpa eolica della sezione Narrativa e saggistica 
Per i post recenti o in evidenza di Arpa eolica vai all’Home page


Poeti dell’Ariete, cronaca dell’Incontro del Novembre 2017

Mercoledì 15 novembre 2017 si è tenuto l’Incontro mensile dei Poeti dell’Ariete di Milano – L’Incontro del mese di Novembre aveva come tema 
“QUEL CHE RESTA DI NOI”
Qui di seguito la cronaca dell’Incontro a cura di Maria Grazia Messa
Oggi al Gran Caffè del foro, in Foro Buonaparte 67, si è svolto l'incontro mensile dei poeti dell'Ariete. L'argomento proposto per oggi era estremamente delicato e particolare, adatto al mese in cui ci troviamo.
"Quel che resta di noi", ecco l'argomento di oggi. Devo dire che le poesie ascoltate sono state tutte valide, molto struggenti e suggestive, Non immaginavo che i poeti prendessero tanto a cuore questo tema che io stessa ritenevo inizialmente abbastanza difficile da sviscerare.. Infatti l'ho affrontato con un pò di fatica, ma quello che ho scritto poi mi ha lasciato nell'animo qualcosa di particolare, di suggestivo, una sensazione di malinconia mista a lieve dolcezza. Come al solito la presenza dei Poeti è stata numerosa, le opere presentate di ottimo livello, la recitazione buona ed effettuata con attenzione e cura. L'incontro è stato condotto con simpatia e amicizia dal poeta Luigi Giurdanella e dalla poetessa Maria Elena Mejani,la quale ha anche offerto alcuni suoi libri devolvendo il ricavato a favore di Emergency.
L'incontro si è concluso alle 19:30 con un gioioso arrivederci al giorno 13 dicembre 2017 ,ore 17,30 , sempre presso il Gran Caffè del foro, Foro Bonaparte 67.
L'argomento proposto per la prossima volta è : " Con gli occhi di un bimbo" naturalmente riferito al Natale che sarà imminente. Tutti noi sappiamo che gli occhi di un bambino vedono ogni cosa con una luce particolare, quasi magica, che i nostri occhi di adulto non possiedono più. Arrivederci allora al 13 dicembre, occasione festosa per scambiarci anche gli auguri per un felice Santo Natale.
Grazie Luigi Giurdanella, Maria Elena Mejan. Grazie carissimi poeti dell'Ariete.
A presto.

Maria Grazia Messa - Milano, 15 novembre 2017
Immagine 1 – Maria Grazia Messa Legge una delle sue poesie mentre vengono mostrati due dei suoi dipinti che ha portato all’incontro dei Poeti dell’Ariete
Immagine 2 – L’immagine della locandina d’invito all’incontro dei Poeti dell’Ariete del 15 Novembre 2017 che aveva come tema “Quel che resta di noi”

post inserito il  17/11/2017
Altri post di Arpa eolica della sezione Poesia

Per i post recenti o in evidenza di Arpa eolica vai all’Home page

Promosso ufficialmente l’inno “Fratelli d’Italia”

Dopo 71 anni di provvisorietà l’Inno di Mameli “Fratelli d’Italia”, o meglio «Il canto degli Italiani», diventa ufficialmente l’Inno della Repubblica Italiana. Dopo svariati tentativi nelle precedenti legislature, la commissione Affari costituzionali di palazzo Madama  ha approvato il 15 Novembre 2017, in sede deliberante, il provvedimento che lo istituzionalizza.
 L'Inno di Mameli era stato scelto nel 1946 come inno nazionale provvisorio, ma da allora in poi nessuna legge lo aveva reso definitivo.

Bacalov ed Endrigo ne potranno riparlare lassù

E’ scomparso ieri 15 Novembre 2017 è scomparso il maestro Louis Enriquez Bacalov che ha lasciato una traccia profonda nella musica italiana come arrangiatore di canzoni che fanno parte della storia della musica italiana, come autore di colonne sonore di film, oltre che come pianista e concertista. https://it.wikipedia.org/wiki/Luis_Bacalov
  Nel 1996 Bacalov vinse per il film «Il Postino» l’oscar per la colonna sonora. Quel premio originò una vicenda legale che si trascinò per circa 18 anni; Sergio Endrigo (che aveva da tempo un sodalizio musicale con Bacalov) sostenne che la colonna sonora  de “Il Postino” riprendeva l’impianto musicale della sua canzone «Nelle mie notti».

Incontro-recital sulla Rivoluzione del 1917

L’Associazione La Conta vi invita a partecipare  all’incontro-recital 
LA RIVOLUZIONE D’OTTOBRE –
L’EVENTO CHE CAMBIO’ IL MONDO” 
Esposizione storica 
di  GIANCARLO RESTELLI, 
Intervalli musicali
con canzoni tradizionali russe eseguite
da NATALIA TYURKINA, voce e pianoforte.
MERCOLEDI’ 22 NOVEMBRE 2017, ore 21,00
MILANO
alla CGIL Salone Di Vittorio - Piazza Segesta 4,
con ingresso da Via Albertinelli 14 (discesa passo carraio)
ingresso ad offerta libera

 immagine –  foto d’epoca di propaganda rivoluzionaria
post inserito il  15/11/2017

Per i post recenti o in evidenza di Arpa eolica vai all’Home page

La responsabilità della parola

La responsabilità della parola

17 novembre 2017  ore 10:00
Università degli Studi di Milano, Aula 113,
Via Festa Del Perdono 3  MILANO
Tavola rotonda sull’importanza della parola nella relazione di cura che non può mai essere una parola neutra e che, pertanto, necessita di cura essa stessa.
A seguire reading del Teatro Officina con Daniela Airoldi Bianchi e altri attori.
Nell’ambito del progetto: La parola che cura, la cura della parola. 
L’intero progetto, proposto dalle Università Statale e Bicocca, che prosegue fino alle H 19, ruota attorno alla responsabilità della parola e del dire nella nostra contemporaneità e in un Novecento, appena trascorso. Ci chiediamo “dove cade” la parola letteraria, la parola teatrale, la parola medica, la parola psicologica e quella pedagogica- educativa. 
Con: Micaela Castiglioni (Università Milano- Bicocca), Claudio Mustacchi (Docente SUPSI, Lugano), Silvia Quadrino (Pedagogista e Psicoterapeuta Istituto Change, Torino), Marco Venturino (Medico anestesista, IEO, Milano).

 Link sull’evento
post inserito il  13/11/2017

Per i post recenti o in evidenza di Arpa eolica vai all’Home page

19 Novembre 2017 – La matassa di spago

Domenica 
19 Novembre 2017
Inizia su Arpa eolica
 la pubblicazione a puntate 
del romanzo breve 
La matassa di spago
Inedito di Francesco Zaffuto

Un giallo politico che coinvolge:  il Capo del governo e i mass media;  i clochard di Roma e le cloache di Parigi di Hugo;  i maggiori illusionisti del momento indagati dal Commissario Biagini alle soglie della pensione.

post inserito il  12/11/2017

Altri post di Arpa eolica della sezione Testi integrali in rete

Altri post di Arpa eolica della sezione Narrativa e saggistica 

Per i post recenti o in evidenza di Arpa eolica vai all’Home page

L'Estate di San Martino


11 Novembre - è l'Estate di San Martino  -  l’ultimo sprazzo di bel tempo prima dell’inverno.

PICASSO tra Genova e Roma

a Genova
Capolavori 
del Museo Picasso, 
Parigi
fino al  6 maggio 2018 
al Palazzo Ducale 
di Genova

a Roma 
prosegue la mostra
Picasso -Tra cubismo e classicismo 1915-1925
fino al 21 Gennaio 2018

Un’opera d’arte salvata

Arpa eolica è lieta di aver contribuito a salvare un’opera d’arte.
Si tratta della Battaglia di Legnano di Salvatore Salamone (detto Turi) ubicata nella Caserma Montelungo di Bergamo.
Il 21 Novembre 2017
Sarà presentata al pubblico nella Caserma Montelungo di Bergamo con una conferenza alle ore 14,00 alla quale parteciperanno il Pittore Salvatore Salamone e l’esponente del Comune di Bergamo che si è preso cura del ritrovamento e del restauro conservativo dell’opera.
Nel dicembre del 2013 Arpa eolica aveva manifestato la preoccupazione per la possibile perdita dell’opera ubicata
 Benvenuti  su Arpa eolica, scorrendo l’
Home page>  trovate i post più recenti e in evidenza
Con un clic  Il progetto  i   Contatti  
le sezioni  Poesia - Narrativa - ARTE -
Teatro - Cinema - Musica - Recensioni - Satira - Itinerari
 Storia – Scuola – fatti e pensieri 
Cliccando sui nomi dell'elenco generale degli autori, sulla colonna a destra del blog, vengono richiamati tutti i post dove sono stati citati. 

cento anni fa in Russia il 1917 della rivoluzione

La pagina di Arpa eolica che raccoglie tutti i post che sono stati dedicati da questo blog alla rivoluzione in Russia del 1917

75 anni, un saluto e un ricordo di Pierangelo Bertoli


Oggi avrebbe avuto 75 anni.
Quindici anni fa, 7 ottobre 2002, a sessant’anni, scompare
Pierangelo Bertoli, nato il 5 novembre del 1942. Peccato per la sua prematura morte.
Qui di seguito il ricordo che ne traccia il cantautore Antonio Cessari – nella sua pagina face book
Prendo in prestito alcuni versi del brano “A muso duro”, il suo manifesto poetico, per tracciare le linee di demarcazione tra una canzone libera e una condizionata.
“Ho sempre scritto i versi con la penna
non ordini precisi di lavoro.
Perché volevo dire ciò che penso
volevo andare avanti ad occhi aperti.

DIALOGO




Oggi 2 Novembre 2017 – Arpa eolica propone una riflessione sulla morte e il tempo della vita con la poesia DIALOGO  
di 
Maria Luisa Ferrantelli

2 novembre in Sicilia

Forse ancora in Sicilia, il 2 Novembre 2017, in alcune case, si ricorderà il giorno dei morti con la consuetudine di far trovare accanto al letto dei bambini dei dolcetti di martorana (pasta reale) insieme a un pupo colorato di zucchero. Forse ancora … ci si ricorda che …

“QUEL CHE RESTA DI NOI”

“QUEL CHE RESTA DI NOI” è il tema dell’incontro mensile di lettura libera dei Poeti dell’Ariete
di Mercoledì 15 novembre 2017 ore 17,30 
al GRAN CAFFE’ AL FORO- RINNOVATO-, Foro Buonaparte, 67 – Milano - MM1 Cairoli

“Quel che resta di noi” include il tema della morte: un argomento difficile ma opportuno, anche in concomitanza della ricorrenza del 2 novembre, commemorazione dei defunti. Una riflessione su cosa rimane del nostro passaggio su questa terra è quanto mai attuale. Se poi pensiamo alla società d’oggi basata essenzialmente sull’effimero e il virtuale, su sciocche convenzioni sociali e consumismo, è salutare chiedersi cosa rimane di questa vita. Continuando a far finta di niente rischiamo che di noi, dei nostri sogni, delle nostre emozioni e sensazioni, non rimanga proprio nulla! Scrive il poeta Andena:
“Quel che resta di noi.. è vento tagliente
 è un abisso di sogni infranti”.
Vi aspetto con le vostre sapienti riflessioni!
Cari saluti. Luigi Giurdanella. 
Incontro aperto a tutti, per dovere di ospitalità si suggerisce una consumazione al bar.

post inserito il 01/11/2017
Altri post di Arpa eolica della sezione Poesia

Per i post recenti o in evidenza di Arpa eolica vai all’Home page

C’ è un tempo


















C’ è  un tempo -  poesia di Marco Boietti.  Arpa eolica ringrazia l’autore per il permesso di pubblicazione.

CROMIE di Marisa Cortese a Spazio E di Ghemme

CROMIE di Marisa Cortese  
Allo Spazio E  - GHEMME (Novara)
via Interno Castello 7
 Fino al 3 Dicembre
il giovedì dalle 16 alle 22, da venerdì a domenica dalle 11 alle 22.

Caporetto e i giorni che seguirono

La sconfitta di Caporetto portò alla sostituzione del generale Luigi Cadorna  (che cercò di nascondere i suoi errori tattici imputando le responsabilità alla presunta viltà di alcuni reparti).
 Altro che viltà, dolore, tanto dolore! 
 Il bilancio dei morti italiani, austriaci, e tedeschi  di quei giorni fu enorme, (non si riesce ad avere un bilancio esatto delle vittime forse centomila);  ci furono uomini che per paura fecero atti eroici ed uomini che morirono per paura mentre si dettero alla fuga;  ci furono anche tanti morti tra i civili, e quasi un milione di profughi;  tutti accomunati dal dolore provocato da una guerra assurda che dilaniava l’Europa.   Oggi dopo 100 anni, con quel ricordo,  abbiamo il dovere salvaguardare la pace che esiste in Europa.

Vediamo sinteticamente ciò che accadde.

Rosario Villari, una vita per la Storia

Un saluto al Professor Rosario Villari, morto ieri 18 ottobre 2017 all’età di 92 anni.   
Era uno storico che amava studiare la Storia ed anche viverla. La sua vita di studioso è stata accompagnata fin dalla giovinezza dalla passione politica e dall’attenzione ai problemi sociali.
Uomo del sud, nato a Bagnara Calabra (Reggio Calabria), partecipò ai movimenti dei contadini per la riforma agraria. Il Sud con la questione meridionale, fu una delle sue  tematiche di studio e di lotta;  ricordiamo tra i suoi lavori “Mezzogiorno e contadini nell’età moderna” (Laterza, 1961) e la preziosa antologia  “Il Sud nella storia d’Italia” (Laterza 1961, seconda edizione aggiornata, 1978). 

LAUTREC a MILANO



TOULOUSE-LAUTREC  
il mondo fuggevole
Al Palazzo reale di Milano
dal 17 ottobre 2017 
fino al 18 febbraio 2018

La mostra di Henri Toulouse-Lautrec a Palazzo Reale di Milano, organizzata in collaborazione con il Musée Toulouse-Lautrec di Albi, istituzione che conserva la più importante collezione al mondo dell'artista, rappresenta un'occasione unica.

‘900 in pittura a Bologna


I Rivoluzionari del ’900 
BOLOGNA, PALAZZO ALBERGATI
dal 17 OTTOBRE 2017 –  
fino all’11 FEBBRAIO 2018
Capolavori dall’Israel Museum di Gerusalemme

Quella foto di 50 anni fa

Ieri, 9 Ottobre 2017,  si è celebrato un triste anniversario: quello  di un’uccisione e forse anche quello di una foto molto drammatica, l’esposizione del corpo straziato di Ernesto Guevara el Che.

L’Ottobre di John Reed

 I dieci giorni che sconvolsero il mondo 
(narrazione giornalistica e storica della Rivoluzione dell’Ottobre 1917 in Russia )
di  John Reed,
scrittore e giornalista americano,
presente in quei giorni a Pietrogrado.
 John Reed compiva giusto trenta anni nell’Ottobre del 1917 (era nato a Portland nell’Ottobre del 1887), era animato da una forte propensione ad interessarsi della giustizia sociale e come giornalista era stato testimone di diverse lotte.
 Nell'autunno del 1917 John Reed andò in Russia spinto dall'ansia di osservare da vicino gli eventi rivoluzionari che avevano portato alla caduta dello zarismo ed alla nascita dei Soviet operai.  Nell'Ottobre si trovò ad essere testimone diretto degli eventi rivoluzionari, li visse e li narrò da giornalista della Storia.

Colombo e chi inghiotte la Storia

La Storia non si inghiotte come un pasto divorato distrattamente, va studiata con la necessaria fatica per non ricadere nelle stesse tragedie. Va studiata e fatta studiare con cura alle giovani generazioni.  E se qualche statua rimane in piedi ci può aiutare a ricordare le tragedie della Storia.  L’abbattimento dei cimeli storici va nella direzione di dimenticare, invece abbiamo necessità di ricordare.

Il 13 ottobre e la strana alternanza scuola lavoro

Gli studenti il 13 ottobre 2017 non andranno a scuola e manifesteranno; anzi addirittura sciopereranno, poiché la nuova “Buona scuola” li ha fatti diventare lavoratori senza paga.
La cosiddetta alternanza scuola-lavoro è obbligatoria per tutti gli studenti dell'ultimo triennio delle scuole superiori, anche nei licei; ed è una delle innovazioni più significative della legge 107 del 2015 (La Buona Scuola).  Il monte ore obbligatorio è di 400 ore negli istituti tecnici e professionali e 200 ore nei licei –  e la frequenza a questa alternanza è stata considerata obbligatoria dalla nuova normativa ai fini dell’ammissione agli esami di maturità.

Fischer a Firenze, ma … a Piazza della Signoria


La statua di Urs Fischer 'Big Clay #4' collocata in piazza Signoria ha suscitato diverse polemiche: nei giorni scorsi erano arrivate anche quelle del critico d'arte Philippe Daverio, che aveva definito l'opera “adatta a una discarica”.
Ma a parte ogni considerazione sull’opera di Fischer,  la scelta della collocazione in Piazza della Signoria è stata errata; riportiamo qui le considerazioni  apparse su
La questione della validità dell’operazione si pone però, probabilmente, in merito alla collocazione, nel senso che Piazza della Signoria è certamente un luogo moderno, ma lo è in quanto espressione di un pensiero universale, di una bellezza senza tempo che ha già raggiunta la perfezione, e per questo trova difficile dialogare armoniosamente con l’arte contemporanea, soprattutto quando è invasiva come nel caso di Fischer. His fretus, di qualunque artista siano le opere, difficilmente potranno generare altro se non polemica o comunque perplessità.

Shostakovich "October"



Chissà come sarà ricordata in Russia la Rivoluzione russa del 1917.  Sono passati giusto cento anni, tante cose sono accadute e tante cose sono tramontate.  
 A dieci anni dalla rivoluzione del 1917 Dmitri Shostakovich componeva la sua Seconda sinfonia per celebrare l’evento a cui dette il sottotitolo di “Ottobre”.

MOSTRA DI KUNIYOSHI A MILANO

"Kunyioshi,
il  visionario  del  mondo  fluttuante"

al  Museo della Permanente
di Milano

 dal 4 ottobre 2017 al 28 gennaio 2018 

 Con 165  silografie policrome esposte, tutte provenienti dal Giappone, ci si avventura nel mondo visionario e coloratissimo di Kuniyoshi, dove si mescolano delicatezza e ironia.