Fioravante e Rizzeri

Fioravante e Rizzeri e uno dei romanzi di Luigi Natoli che la casa editrice I Buoni Cugini Editori ha dato alle stampe nel 2014 insieme ad altri 7 romanzi di Natoli
Fioravante e Rizzeri fu pubblicato a puntate dal Giornale di Sicilia a partire dal 31 dicembre 1936, e, grazie a un paziente lavoro di ricerca e ricostruzione di  Anna Squatrito e Ivo Tiberio Ginevra,  la versione pubblicata è proprio quella di allora, e viene presentata con la prefazione dello stesso Natoli che all’epoca si firmava con lo pseudonimo di William Galt.

Per dare qualche nota su questo particolare romanzo a doppio intreccio inseriamo qui per Arpa la postprefazione di Francesco Zaffuto inserita nel libro

La narrazione di “Fioravante e Rizzeri”  evolve con un carattere binario: da una parte  l’aggrovigliata sceneggiatura roboante dell’opera dei pupi e dall’altra una vicenda di vita familiare.
 Il puparo, don Calcedonio,  sta mettendo in scena una delle storie cavalleresche per i Pupi* e costruisce pazientemente le scene. Nel  suo procedere,  la vicenda dei pupi diventa sempre più fantastica mentre la sua vicenda umana si immiserisce sempre di più.
  Natoli in quest’opera sta nel solco di Cervantes e di Calderon De La Barca; anche  il suo protagonista vive in un sogno;  ma  in questo sogno non è il personaggio principale, come lo fu Don Chisciotte,  e neanche uno dei tanti personaggi; don Calcedonio è il puparo, colui che muove i sogni, costruisce la scena, lustra amorevolmente i suoi pupi prima di ogni rappresentazione,  dà loro la voce e li manovra. Non è avvolto nel sogno come Don Chisciotte,  è consapevole che tra la vita e il suo sogno c’è una distanza,  sono due piani distinti,  eppure vuole che qualcuno di quegli ideali cavallereschi si possa trasferire nella vita, almeno un minimo di onore e di onestà.
 Siamo tutti pupi, dirà Pirandello, contemporaneo del Natoli, nel suo Berretto a sonagli,  ed ogni pupo vuole difendere la sua onorabilità, la sua immagine; e don Calcedonio nella vita è pupo come tutti gli altri e vuole mantenere una rispettabilità nel sociale.  Le trame antiche del suo teatro gli suggeriscono l’azione, la voce forte, il farsi giustizia con un bastone; e più di una volta il puparo si comporta come uno dei suoi pupi in scena.  Ma questo romanzo-tragedia di Natoli va oltre la maschera sociale ed umana; è il conflitto esistenziale del padre, del grande puparo, dello stesso Creatore.   Il puparo si aspetta che i pupi si muovano secondo il movimento che ha impresso con la mano, secondo le finalità della commedia che si deve rappresentare. Don Calcedonio si danna perché nella realtà ogni pupo ha la sua vita propria e lui non riesce, con tutta la sua buona volontà, a dare un indirizzo, un consiglio neanche alla sua unica ed amata figlia.
 Don Chisciotte muore quando il sogno scompare, il puparo Calcedonio alla fine riesce a conciliare la vita e il sogno:  lascia ogni attaccamento, anche quello che aveva per il pubblico e per le pareti decorate del suo teatro, ama i pupi di carne e di latta per quello che sono, risolve con la pietà  il suo problema di deità. 
 Ogni scrittore in qualche modo è un puparo, costruisce ed ama le scene e i suoi personaggi; il grande puparo Luigi Natoli con “Fioravante e Rizzeri”   ha costruito un romanzo difficile, originale e di notevole grandezza.
Francesco Zaffuto

Nota  *la storia cavalleresca che prepara il Puparo è ben riconoscibile in quella del Secondo Libro de I Reali di Francia nella versione di Andrea Jacopo da Barberino (1370 – 1432). Alcuni nomi nella versione di Natoli sono leggermente diversi dalla versione dell’antico autore toscano, il Rizieri diventa   Rizzeri e anche altri nomi appaiono leggermente storpiati. Anche per lo stesso titolo dell’opera, nei manoscritti originali dell’autore,  compare Rizzeri. Forse  Natoli ha voluto mettere in risalto quella particolare sicilianità operata dai pupari nel loro dare voce ai Pupi.

Il libro è presente in tutte le librerie della Sicilia
Nel resto d’Italia può essere ordinato alla stessa Casa editrice, ecco il link
oppure tramite la Rete IBS, ecco il link

Immagini: copertina avanti e retro di Nicolò Pizzorno

Nessun commento:

Posta un commento

Post aperto a dibattito, si possono inserire commenti immediatamente ed automaticamente – i curatori di arpa eolica si riservano di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per i commenti che andate ad inserire.