SENOFANE – ma perché pagate così tanto un calciatore?

 

Fra poco sentirete le cifre astronomiche del calciomercato. 

Spesso vediamo che viene additato come motivo di scandalo lo stipendio di un politico,  mentre siamo disposti a considerare come normalità i  miliardari compensi dati ad un campione del calcio e il misero compenso dato ad un insegnante di scuola.

Vediamo cosa avrebbe detto Senofane,  antico Filosofo e Poeta greco, 570 a.C. – 475 a.C. 

*

Se qualcuno riporta una vittoria in corsa

o nel pèntatlo, a Olimpia, dove c’è il tempio di Zeus, (1)

nei pressi del fiume di Pisa, oppure nella lotta,(2)

o esercitando l’arte dolorosa

del pugilato, o nella prova tremenda chiamata pancrazio, (3)

sempre di più si accresce la sua fama

fra i cittadini, e gli è dato l’onore di sedersi

in prima fila alle gare, lo Stato lo mantiene

con il denaro della spesa pubblica, e in più

riceve in premio un prezioso trofeo.

Chi vince coi cavalli ottiene i medesimi onori.

E tuttavia non vale quanto me: la conoscenza

è superiore ai muscoli di uomini e cavalli,

e quindi è discutibile il criterio

con cui si dispensa la fama. Come è possibile

privilegiare la forza rispetto al sapere?

Se c’è fra i cittadini un uomo abile

nel pugilato, nel pèntatlo, o nella lotta,

o nella corsa a piedi, che si ritiene la prima

fra tutte le prove di forza, non sarà per questo

che la città migliora il suo ordinamento

civile, anzi è misero vanto che un atleta

abbia vinto nei giochi, alle sponde del fiume di Pisa;

non è con queste cose che si ingrassano

le casse dello Stato.

1)      Pèntatlo, specialità sportiva comprendente cinque gare (corsa, lotta,salto, lancio del disco, lancio del giavellotto). Olimpia, città sacra dell’Elide – sede degli antichi giochi olimpici.

2)     Pisa, citta dell’Elide poco distante da Olimpia.

3)     Pancrazio, specialità sportiva comprendente lotta e pugilato.

(Tratto da: Lirici Greci –  Bompiani 1991 – traduzione di Roberto Sanesi)

Senofane note biofrafiche

https://it.wikipedia.org/wiki/Senofane

Immagine da

post inserito il 26/05/2021

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

  2. Posso concordare in linea di massima ma dall'altro lato osservo che gli emolumenti dei campioni li pagano le società di calcio che potranno anche provare a rientrare della spesa coi risultati raggiunti, il merchandising e gli abbonamenti ma raramente ci riescono, infatti non è così lucrativo avere una società di calcio oggi in Italia. Inoltre poi il calciatore di solito rende al suo livello salvo che non si sia puntato su un giovane ancora acerbo e quindi una piccola sorpresa o capiti la stagione storta. Cmq sia, salvo le rarissime e punite molto severamente eccezioni, il giocatore in campo vuole vincere, non si vende e vuol dare se stesso fino in fondo, il politico invece.... Pensa ai suoi interessi, è pagato con soldi pubblici, è pagato allo stesso modo che sia bravo, noto e famoso (ma ne esistono?) o sia l'ultimo scappato di casa arrivato in Parlamento. Inoltre più intrallazza e più ha posti in commissione, scrive libri o meglio glieli scrivono e lui ci guadagna sopra, ed ancora last but not least, si fanno corrompere e non sanno risolvere i problemi del Paese. Allora mi domando è più vergognoso il compenso dato a Mbappe e Neymar o quello dato per fare solo alcuni esempi, a Rocco Casalino (non parlamentare ma portaborse d'oro) Speranza, Brunetta, Lupi, Renzi, Razzi e tanti altri?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se penso alla paga misera che hanno tanti calciatori della serie C e a quanta fatica fanno e al fatto che difficilmente riusciranno ad avanzare ed anche al fatto che gli anni passano e le gambe presto invecchiano; non posso che darti ragione. Ma alcuni astri che giocano in serie A guadagnano cifre esagerate. Certo è un fatto privato, connesso a pubblicità, abbonamenti e altro ma le esagerazioni, in un mondo di miseria che ci circonda, vanno in qualche modo stigmatizzate, almeno questo. - Riguardo alla classe politica va ricordato che pagarla è una necessità per fare in modo che ad occuparsi di politica non siano solo i benestanti ma ogni cittadino che con elezione viene chiamato ad una responsabilità pubblica. Quanto? Su questo non ho dubbi deve essere una retribuzione che deve avere un punto di riferimento massimo invalicabile. Secondo me (la dico alla brutta): se oggi un lavoratore, che si ammazza di fatica, prende 1.500 euro al mese, la paga di un politico non deve superare al massimo tre volte questa paga. Quindi, individuata la paga delle massime cariche politiche, le altre di meno. In quanto alla bravura e alla abnegazione che ci mettono, stando in un sistema democratico dobbiamo lasciar decidere gli elettori. Se gli elettori sono poco illuminati, sarà anche compito del mondo della cultura cercare di fare un po' di luce. Riguardo ai giudizi sui politici si può dire peste e corna, ma dobbiamo ricordare che qualcuno che ha fatto bene il suo lavoro ci ha perso la vita - per dirne uno penso a Pio La Torre che si operò per fare passare la legge sul sequestro dei beni ai mafiosi. Ciao

      Elimina

Post aperto a dibattito, si possono inserire commenti immediatamente ed automaticamente – i curatori di arpa eolica si riservano di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per i commenti che andate ad inserire.