Fecero il vuoto







Fecero il vuoto – poesia di Vittorio Stringi dalla raccolta Al di là delle mura. Questa poesia pur scritta nel 1990 pare richiamare i nostri giorni di terrore.






Fecero il vuoto

Come in una
notte d’affondo
rapirono i cavalli, e
le greggi sgozzarono
sui monti: senza pietà
fecero il vuoto.

La mano pesante
ha voluto l’odio,
ha strappati i
millenni dal
mio cuore, e
veloce ha dimenticato.

Amaro sorgere
del giorno: steli
impossibili e silenzi
veri senza tetti,
nelle forme di morte
che mi agghiacciano


*Arpa eolica dedica questo post a Vittorio Stringi. Il poeta, dopo la triste scomparsa della sua compagna, versa in un cattivo stato di salute e di depressione; Arpa eolica invia un saluto e l’augurio che possa riprendere presto le sue forze; e dedica, con il suo permesso,  ogni settimana uno spazio alla sua poesia. I commenti a questo post che potranno pervenire tramite il blog o via facebook  saranno comunicati all’autore.

La pagina di Arpa eolica dedicata a Vittorio Stringi


post inserito il 05/06/2017
Altri post di Arpa eolica della sezione Poesia
Per i post recenti o in evidenza di Arpa eolica vai all’Home page

Nessun commento:

Posta un commento

Post aperto a dibattito, si possono inserire commenti immediatamente ed automaticamente – i curatori di arpa eolica si riservano di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per i commenti che andate ad inserire.