Buon anno, forse


Fuori dalla finestra c’è l’inverno
Gli uccelli affamati sono volati lontano
Lei razzola qua e là tra miliardi di stelle nevose
Riposa un attimo sul pentagramma della staccionata
Poi riprenderà a cercare
E verranno nuovi giorni
Forse chi è volato lontano ritornerà
Per me e per lei
La conta dei giorni
Diverrà misteriosamente più breve
Proveremo a nascondere nel nostro cuore
Fino alla fine
Qualche traccia di vissuta bellezza
28/12/14 – (francesco zaffuto – dedicata a Maria Luisa)
Immagine – La Gazza - Claude Monet  1868 – 1869  Olio su tela  Cm. 89 x 130 - Musée d'Orsay – Parigi

3 commenti:

  1. "Qualche traccia di vissuta bellezza", una fitta di malinconia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la passata vissuta bellezza, vista o sentita, in qualche modo ci allontana dall'assenza. E' vero che la nostalgia può essere stringente, ma qualche ricordo bello ci può aiutare in vecchiaia. Ciao Ambra e un caro augurio

      Elimina
  2. Cerco di conservare solo quelli belli, quelli che fanno spuntare un sorriso.
    Non rinnego niente, ma cerco di glissare i momenti spiacevoli.
    Anch'io ti auguro un Buon Anno 2015, forse, caro Francesco.
    Cristiana

    RispondiElimina

Post aperto a dibattito, si possono inserire commenti immediatamente ed automaticamente – i curatori di arpa eolica si riservano di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per i commenti che andate ad inserire.