Natale - Ungaretti

Natale

Non ho voglia
di tuffarmi
in un gomitolo
di strade

Ho tanta
stanchezza
sulle spalle

Lasciatemi così
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata

Qui
non si sente
altro
che il caldo buono

Sto
con le quattro
capriole
di fumo
del focolare

La poesia Natale venne scritta da Ungaretti nel dicembre del 1916. Il poeta era tornato a casa in licenza;  stanco non voleva fingere di dimenticare neanche per un po’ le atrocità della guerra, tuffandosi tra la gente e nella città in festa.

Immagine – Il focolare – dipinto di Giuseppe Canino

3 commenti:

  1. Giuseppe Canino? Non lo conoscevo. Ahimè quanto grande può essere l'ignoranza. Quel suo dipinto vale un tuffo in un passato così remoto tanto d'averlo quasi dimenticato, mentre la poesia di Ungaretti trasuda una profonda tristezza.
    Buon Natale anche a te, caro Francesco, e Buon Anno.

    RispondiElimina
  2. Aggiungo però che la poesia di Ungaretti è comunque splendida. Finalmente un Natale celebrato fuori dal coro delle bontà a buon mercato.

    RispondiElimina
  3. Ottima scelta!
    Ti auguro delle serene feste.

    RispondiElimina

Post aperto a dibattito, si possono inserire commenti immediatamente ed automaticamente – i curatori di arpa eolica si riservano di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per i commenti che andate ad inserire.