San Silvestro e il sonetto del Belli

Diversi sonetti di Gioachino Belli descrivono e criticano certe leggende di Santi che per le loro esagerazioni cozzano con il minimo esercizio della ragione.  Il Belli fa parlare un popolo romano che crede, ma ha  anche un certo ritegno nell’essere credulone,  e  smorza  con una battuta ogni esagerazione.
Una di queste leggende è quella di San Silvestro e della sua velocissima mula bianca.
Papa Silvestro 1°  viveva in contemplazione sul monte Soratte quando l’imperatore Costantino si ammalò di lebbra. Gli aruspici, prontamente consultati da Costantino, gli indicarono, come unico mezzo di guarigione, di immergersi nel sangue di tremila bambini, ma l’imperatore non se la sentì di guarire a quel prezzo. Saputa la notizia, Silvestro montò su una mula bianca materializzatasi dal nulla e in soli tre balzi miracolosi giunse al cospetto dell’imperatore morente. Grazie a San Silvestro, che gli somministrò il battesimo, l’imperatore guarì e per riconoscenza avrebbe concesso al Papa il potere temporale con un documento, la cosiddetta “donazione di Costantino”, che in realtà è uno scritto apocrifo. Comunque siano andate le cose, ancora adesso si possono vedere, nei pressi di Rignano Flaminio, a Prima Porta e al Laterano, le presunte impronte dello zoccolo della mula.
E ora godiamoci il sonetto  del Belli
San Zilvestro
     San Zirvestro, finiti scerti chiassi,
volenno
 viení a Rroma a ccose leste,
disse a una bbella mula co le sceste:
«Curre, per Dio, ch’er vento nun te passi».
          
     A la mula je preseno le creste; 
e cco ggnente de ppiú che de tre ppassi,
lassanno le pedate su tre ssassi, 
se ne venne sin qui dda Sant’Oreste.
           
     Cristo! Senza speroni e ssenza brijja,
ma ssolo co la frusta de la fede
pe ’ggni passo volà ssedisci mijja!
           
     Inzomma, cazzo, la faccenna aggnede
che, o sta mula era er diavolo o la fijja,
fesce er viaggio in tre ssarti, e spregò un piede.

Roma, 15 gennaio 1833

Qualche nota di traduzione
San Silvestro  (Zilvestro – la z sta per la s sibilante nel romanesco)
San Silvestro, finiti certi chiassi, (probabile riferimento all’editto di Sardica che aveva permesso la
                                                          ripresa delle cerimonie degli auguri e aruspici)
volendo venire a Roma al più presto,
disse a una bella mula con le ceste: (le ceste che si ponevano sul dorso delle mule
                                                                 per il trasporto di cose)
“Corri. Per Dio, che in vento non ti passi”.
E  la mula s’imbizzarrì,  (prendere le  creste come dire eccitarsi)
e con niente più di tre passi,
lasciando le pedate su tre sassi,
 se ne venne (a Roma) da Sant’Oreste. (altro modo romano di indicare il monte Soratte)
Cristo! Senza speroni e senza briglia,
ma solo con la frusta della fede
per ogni passo volò sedici miglia!
Insomma, cazzo, andò
che, sta mula era il diavolo o la figlia,
fece il viaggio in tre salti, e sprecò un piede. (e come quadrupede lasciò inoperoso il
                                                                                quarto piede)

San Zilrvestro – un video con una lettura di Paolo Grassi
Alcuni Link di Storia
Auguri e aruspici
L’editto di Sardica o Serdica
San Silvestro tra storia e Mito
immagine
d’apertura del post - uno degli affreschi A ROMA Dell’ORATORIO DI SAN SILVESTRO AL CELIO

L’itinerario del Monte Soratte
Qui l’immagine suggestiva della chiesa sul monte Soratte
IL LETTO DI SAN SILVESTRO
Nella cripta della chiesa del Soratte si osservano colonne e decorazioni marmoree, avanzi del tempio pagano. Fra i dipinti di varie epoche, esistenti in detta cripta, si vede un San Silvestro ma del secolo XIV.
Li presso trovasi una dura e aspra scogliera, che il popolo di Sant’Oreste chiama “il letto di S.Silvestro”. Si racconta che su quello scoglio dormisse il Santo, durante la sua dimora nelle alpestre solitudini del Monte Soratte. E’ una vera cella del “sepolto vivo”, una specie di tomba, comunicante con l’esterno per mezzo di un foro, dal quale apparisce un piccolo lembo di cielo. http://www.centrostudisoratte.com/sansilvestro.htm

La pagina di Arpa eolica dedicata a Gioachino Belli  monumento sotterraneo

post inserito il  30/12/2017
Altri post di Arpa eolica della sezione Poesia
Altri post di Arpa eolica della sezione Storia
Altri post di Arpa eolica della sezione Satira
Altri post di Arpa eolica della sezione Itinerari

Per i post recenti o in evidenza di Arpa eolica vai all’Home page

2 commenti:

  1. Certa chiesa ci vorrebbe creduli e il Belli, nelle sue righe, vendica tutti coloro che, invece e saggiamente, intendono usare la ragione.
    P.S.: Ah, credevo che l'usatissima, strausata, abusata parola con due zeta fosse cosa moderna... invece già il Belli...
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Belli era un uomo di fede ma era anche un uomo che credeva nel buon uso dell'intelligenza donata da Dio. Ciao e buon Anno.

      Elimina

Post aperto a dibattito, si possono inserire commenti immediatamente ed automaticamente – i curatori di arpa eolica si riservano di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per i commenti che andate ad inserire.