MARZO





MARZO 
(poesia di  Salvatore Di Giacomo - musicata da  Mario Pasquale Costa - e conosciuta anche come Catarì - Qui i versi del poeta napoletano, la traduzione di Pier Paolo Pasolini e  da youtube la versione cantata di Roberto Murolo )

Marzo: nu poco chiove

e n’ato ppoco stracqua:

torna a chiovere, schiove,

ride ‘o sole cu ll’acqua.


Mo nu cielo celeste,

mo n'aria cupa e nera:

mo d''o vierno 'e tempesta,

mo n'aria 'e primmavera.


N’ auciello freddigliuso

aspetta ch'esce 'o sole:

ncopp''o tturreno nfuso

suspireno 'e vviole...


Catarì!… Che buo’ cchiù?

Ntiénneme, core mio!

Marzo, tu 'o ssaie, si’ tu,

e st’ auciello songo io.


Marzo
) Marzo: un po' piove / e dopo un po' cessa di piovere: / torna a piovere,
spiove, / ride il sole con l'acqua. / Ora un cielo celeste, / ora un'aria cupa
e nera: / ora le tempeste dell'inverno, / ora un'aria di primavera. / Un
uccello freddoloso / attende che esca il sole: / sopra il terreno bagnato /
sospirano le viole... / Caterina!...Che vuoi di più? / Cerca di capirmi, cuore
mio! / Marzo, lo sai, sei tu, / e quest'uccello sono io.

2 commenti:

  1. Na canzone 'e Napule...Aggie 'mparato nu poculillo de chesta lengua, 'o scrivo, 'o leggo ma 'a pronuncia è terrificante!!
    Buon mese di Marzo.

    RispondiElimina

Post aperto a dibattito, si possono inserire commenti immediatamente ed automaticamente – i curatori di arpa eolica si riservano di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per i commenti che andate ad inserire.