tricolore nell'arte di LEOPAPP


Università degli Studi del Molise
Dipartimento di Scienze Umanistiche, Sociali e della Formazione
Galleria Gino Marotta / ARATRO
archivio delle arti elettroniche  laboratorio per l’arte contemporanea
LEOPAPP - MADE IN ITALY
a cura di Lorenzo Canova e Piernicola Maria Di Iorio
                                 inaugurazione 15 giugno 2016 ore 17.30    

2° piano- 2° edificio polifunzionale, Università del Molise,
via De Sanctis
Campobasso
 Aratro Università del Molise
Dal 15 giugno al 9 settembre 2016. 

L’ARATRO presenta una nuova mostra personale di LeoPapp (Leonardo Pappone), dove sarà esposta una serie
di opere realizzate appositamente per questa occasione nate come riflessione problematica in occasione del settantesimo anniversario della nascita della Repubblica Italiana.
Tutte le opere in mostra avranno infatti in comune il tricolore della bandiera italiana, senza avere però una banale funzione celebrativa, ma per proporre invece, anche in modo ironico e attraverso diversi media, uno sguardo lucido sulle complesse difficoltà, sul degrado e sui mali che affliggono il nostro Paese.

LeoPapp usa così la pittura, elementi polimaterici, calchi di busti antichi, sculture e installazioni per comporre un discorso unitario dove l’elemento del tricolore spicca come legante tra le diverse opere, in un vero e proprio percorso che l’artista delinea per sollecitare l’attenzione dello spettatore grazie al potere di attrazione percettiva delle arti visive.

Come ha dichiarato lo stesso artista: “l’idea della mostra nasce dal desiderio di cercare di dare nuova linfa vitale a un Made in Italy fatto di eccellenze, di bellezze uniche al mondo, di un patrimonio storico, paesaggistico, artistico, culturale-sociale da preservare e valorizzare, ma tante volte, troppe volte, oltraggiato, depauperato, danneggiato dall’incuria degli uomini e offeso da fattori criminali”. In modo rigoroso e apparentemente ludico, ma in lavori nati da una severa consapevolezza, LeoPapp propone quindi opere dedicate criticamente alla corruzione, al malaffare, alla criminalità anche economica, alla cattiva cura della cosa pubblica, ai tanti profittatori dei beni e delle risorse dell’Italia.
In questo modo LeoPapp vuole riscoprire il ruolo delle arti visive come strumento politico, non solo nella loro funzione di denuncia, ma anche nella loro identità costruttiva, per ritrovare la loro antica forza di analisi critica e di proposta creativa attraverso la forza archetipica e sempre rinnovata delle immagini.
 Biografia

Leonardo Pappone, nasce nel 1958 a Montefalcone di Val Fortore (BN) Fin da giovanissimo s’interessa all’arte e alla pittura, che segue da autodidatta, partecipando a mostre e concorsi nei quali riscuote fin da subito significativi consensi, sia di pubblico che di critica. L’arte tuttavia si manifesta come interesse primario extra-professionale, consentendogli di intrecciare rapporti con altri artisti, con i quali avvia numerosi progetti multidisciplinari che sfociano in eventi culturali e rassegne d’arte Attratto dalla Street art e dalle tematiche dei Writers metropolitani, Pappone elabora in arte un suo personale codice espressivo. Ha all’attivo numerose mostre, sia personali che collettive, con un palmarès di premi e riconoscimenti pubblici. Si sono occupati della sua produzione numerose personalità del mondo dell’arte, tra cui Lorenzo Canova, Massimo Rossi Ruben, Silvia Valente, Antonietta Campilongo, Peppe Leone, Antonio Petrilli , Piernicola Maria Di Iorio, Mario Lanzione ed Augusto Ozzella. Le sue opere sono presenti in molti legati artistici e collezioni private, sia in Italia che all’estero.  Firma le sue opere con lo pseudonimo di “LeoPapp”. Vive a Campobasso.

post inserito il 13/06/16

Per tutti i post recenti di Arpa eolica vai all’Home page

Nessun commento:

Posta un commento

Post aperto a dibattito, si possono inserire commenti immediatamente ed automaticamente – i curatori di arpa eolica si riservano di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per i commenti che andate ad inserire.