Eravamo 4 amici al bar, e ora ...




Mi auguro che Gino Paoli riesca a dimostrare la sua innocenza di fronte all’accusa di evasione, che tutto quello che ha fatto sia legittimo e con i suoi 80 anni ne esca immacolato. Ma chi di quei 4 amici al bar “che volevano cambiare il mondo” poteva essere capace di portare in Svizzera due milioni di euro?  Chi per accidente in questa società lo riesce a fare si chiama ricco e gli altri si chiamano poveri;  si potrebbe ricordare un altro titolo di canzoni “uno su mille ce la fa”. Qui il testo poetico di quella canzone, che rimane poetico, ma che viene travolto da una realtà impoetica (f.z.)
Eravamo quattro amici al bar
che volevano cambiare il mondo
destinati a qualche cosa in piu'
che a una donna ed un impiego in banca
si parlava con profondita'
di anarchia e poi di liberta'
tra un bicchier di coca ed un caffe'
tiravi fuori i tuoi perche' e
proponevi i tuoi faro'

Eravamo tre amici al bar
uno si e' impiegato in una banca
si puo' fare molto pure in tre
mentre gli altri se ne stanno a casa
si parlava in tutta onesta'
di individui e solidarieta'
tra un bicchier di vino ed un caffe'
tiravi fuori i tuoi perche'
e proponevi i tuoi pero'.
Eravamo due amici al bar
uno e' andato con la donna al mare
i piu' forti pero' siamo noi
qui non serve mica essere in tanti
si parlava con tenacita'
di speranze e possibilita'
tra un bicchier di whisky ed un caffe'
tiravi fuori i tuoi perche'
e proponevi i tuoi sara'.
Son rimasto io da solo al bar
gli altri sono tutti quanti a casa
e quest'oggi poi verso le tre
son venuti quattro ragazzini
son seduti li vicino a me
con davanti due coche e due caffe'
li sentivo chiacchierare
han deciso di cambiare
tutto questo mondo che non va.
Sono qui con quattro amici al bar
che hanno voglia di cambiare il mondo


(e poi ci troveremo come le star
a bere del whisky al roxy bar
e forse non ci incontreremo mai
ognuno a rincorrere i suoi guai
e poi ci troveremo come le star
a bere del whisky al roxy bar
e forse non ci incontreremo mai
ognuno a rincorrere i suoi guai
ognuno a rincorrere i suoi guai)

Il 1991 è l'anno del  grande successo di Gino Paoli con Matto come un gatto, album il cui brano trainante Quattro amici vincerà il Festivalbar; sulla coda di questa composizione vi è la citazione, di Vita spericolata, di Vasco Rossi, dove è lo stesso cantautore modenese a cantare il ritornello («e poi ci troveremo come le star...»). (nota da Wikipedia)

1 commento:

  1. Disprezzo profondamente Paoli da quando pubblicò l'album con la canzone "il pettirosso".
    http://www.repubblica.it/2009/01/sezioni/spettacoli_e_cultura/gino-paoli/canzone-incriminata/canzone-incriminata.html
    Ciao.

    RispondiElimina

Post aperto a dibattito, si possono inserire commenti immediatamente ed automaticamente – i curatori di arpa eolica si riservano di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per i commenti che andate ad inserire.