Voi, onesti farabutti

Quando ho comprato questo libro l’ho fatto per la copertina e soprattutto per il titolo. La copertina era molto originale, ma il titolo era per me veritiero: “Voi, onesti farabutti”.  Di quella specie ne avevo conosciuto tanti, proprio tanti: c’erano i ladri che si nascondevano dietro la patina dell’onesta e c’erano gli onesti che condividevano per quieto vivere un sistema marcio.  Questo libro, mi dissi: va letto. Le cento pagine scorrono velocemente e l’autore mi accompagna nel suo racconto con un tono giovanile e confidenziale.   
 Il libro, di Simone Ghelli, nasconde un “banale” mistero:  un amico, che si recava di solito a bere un goccio a casa di un caro amico, un giorno non venne più.  Sul quel mistero nessuna indagine,  la vita scorre alla meglio o alla peggio, dipende dai punti di vista, tutti si accontentano, ma il vecchio nonno non cessa mai di dire che voleva qualcosa di più giusto, di più bello, qualcosa per cui ne valesse la pena di vivere. Il desiderio del vecchio si trasmette per una  rara alchimia al nipote, il resto del mondo sembra esente da questo miracolo alchemico, la vita scorre con un lieve e continuo peggioramento della condizione umana.  Nel “banale” mistero, che poi si scioglie, pare che ci stiamo dentro tutti e non è facile tirarsi fuori, forse ci vuole il coraggio del vecchio nonno partigiano.
francesco zaffuto

Il libro:  Voi, onesti farabutti – edito dalla casa editrice Caratteri mobili  si può trovare nelle librerie
o direttamente dalla casa editrice alla pagina http://www.caratterimobili.it/caratterimobili/?p=2944
o sulla rete IBS alla pagina
immagine – copertina libro

2 commenti:

  1. Onesti farabutti o anche disonesti inconsapevoli, chissà.
    Viene proprio voglia di leggerlo, quel libro.

    RispondiElimina
  2. Ciao Francesco, grazie per le tue parole.
    Saluti
    Simone G.

    RispondiElimina

Post aperto a dibattito, si possono inserire commenti immediatamente ed automaticamente – i curatori di arpa eolica si riservano di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per i commenti che andate ad inserire.