Squarcialupo

La cospirazione di Giovan Luca Squarcialupo, nata da generosi sentimenti, si svolse con mezzi inadeguati e senza un fine determinato, ma con questa dello Squarcialupo comincia la serie delle sommosse, delle cospirazioni, delle rivoluzioni contro la Spagna, segno di irrequietezza per la perduta indipendenza della Sicilia.- Luigi Natoli

Così lo presenta Luigi Natoli nel suo romanzo, apparso per la prima volta in appendice al Giornale di Sicilia il 02 febbraio 1924 e pubblicato da pochi giorni per la prima volta in libro da I Buoni Cugini Editori - Palermo

Edizione a cura di Anna Squatrito - Ivo Tiberio Ginevra - Illustrazioni di  Niccolò Pizzorno, che dà volto a Giovan Luca Squarcialupo

Dall'Archivio storico del Comune di Palermo 
Squarcialupo Gianluca  (Patriota) Morto a Palermo nel 1517.
Era un giovane appartenente a una nobile famiglia pisana da tempo trapiantata a Palermo. Di idee innovatrici, insofferente alla dominazione spagnola e smanioso di introdurre in Comune un governo repubblicano sul modello dei liberi ordinamenti comunali fioriti in Toscana, si mise a capo di una sollevazione popolare che avrebbe dovuto porre fine al malgoverno spagnolo, impersonato dal luogotenente generale Ettore Pignatelli, conte di Monteleone.
In un primo tempo la rivolta, iniziata il 23 luglio del 1517, ebbe successo, ma ben presto i nobili organizzarono una contro rivoluzione conclusasi con l'assassinio dello Squarcialupo nella Chiesa dell'Annunziata il giorno 8 settembre del 1517.
L'infelice tentativo di riscossa cittadina e l'assassinio dello Squarcialupo sono ricordati in una lapide murata alla base del campanile della Chiesa suddetta sul fronte che si affaccia su piazza San Giorgio dei Genovesi. La Chiesa che faceva parte di un complesso conventuale dove, dal 1618 ha sede il Conservatorio di musica già Ricovero degli Spersi, è andata completamente distrutta durante il bombardamento del 16 aprile 1943.

Per il libro di Natoli al link www.ibuonicuginieditori.it 


2 commenti:

  1. Di Giovan Luca Squarcialupo non restò nulla. La sua casa distrutta, i suoi parenti decapitati, gli amici uccisi o dispersi. Gli spagnoli e i potenti baroni siciliani, fecero di tutto per cancellare ogni traccia e predicato di Squarcialupo. Un eroe idealista e sognatore, dimenticato del tutto.
    Grazie per il post.
    Ivo Tiberio Ginevra

    RispondiElimina
  2. No, dimenticato del tutto no. Questo libro, che acquisterò senz'altro, gli rende omaggio togliendolo dall'oblìo.

    RispondiElimina

Post aperto a dibattito, si possono inserire commenti immediatamente ed automaticamente – i curatori di arpa eolica si riservano di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per i commenti che andate ad inserire.